Archivio di dicembre 2011

elfflames

Frankenfish, Pesci mutanti

Frankenfish

Cafoneria Divertimento
★★★★☆ ★★★★☆

Titolo originale: Frankenfish
Regia: Mark Dippé
Cast:
Tory Kittles, K.D. Aubert
Durata: 84 min
Nazionalità: USA
Anno: 2004
Frase del film: “Non possono essere stati gli squali!” “Potrebbe essere uno squalo-toro” “hai ragione”

Trama:
Una poliziotta e un medico legale vengono mandati ad indagare su uno strano ritrovamento di un uomo mangiato a metà da qualche strano predatore acquatico vivente in una palude, durante le indagini incontrano una piccola comunità che vive su delle “case galleggianti” ed insieme a loro scopriranno cosa infesta le limacciose acque della palude…

Considerazioni:
Solamente il titolo di questo film basterebbe ad entrare a pieno merito nell’archivio di cafolavori.it, Frankenfish è un vero cafolavoro! Girato male, attori inguardabili, storia prevedibile e dialoghi esilaranti, se cercate un film per farvi 4 risate lasciate perdere commedie brillanti o film comici di ogni genere, vedetevi Frankenfish ma esclusivamente in compagnia!  (calcolate che l’ho visto per ben due volte, in modo da diffondere il Verbo), da soli rende poco e potrebbe suscitare emozioni che vanno dalla rabbia al disprezzo che potrebbero sfociare in atti di cronaca nera (anche se con le attenuanti generiche).
La pellicola è evidentemente dedicata alla TV e gli effetti speciali sono di questo livello, cioè bassi, le risate invece sono altissime sia per le scene che per i personaggi, la coppia di fattoni che vive sulla “palafitta” è d’antologia! Diciamo che proprio la comunita galleggiante è allucinante, oltre i fattoni c’è un reduce militare e sopravvisuto al pescione, sempre inc…ato e con la voglia di vendetta, una maga voodoo che da consigli e il fastidiosissimo fidanzato della polizioatta… il gruppo già folto viene sfoltito piuttosto presto e per arrivare a fine film viene inserito anche un gruppo di cacciatori, evidentemente ritardati mentalmente, capitanati dal “Genio del male” che per hobby della caccia ha creato geneticamente questo pescione!
Che dire un “must” per i cafolavoriani come noi, poi il finale è da vedere!

p.s.
La locandina del film è notevole, fatta con “paint” di windows probabilmente proprio dal pesce… da notare la citazione “dal regista di spawn” bhe allora tutti davanti alla TV… (civostra)

[“Consigliato ai pescatori genetisti”]

Trailer:

elfflames

I Dominatori dell’Universo

Masters

Cafoneria Divertimento
★★★☆☆ ★★☆☆☆

Titolo originale: Masters of the Universe
Regia: Gary Goddard
Cast:
Dolph Lundgren, Frank Langella, Meg Foster, Billy Barty, Courteney Cox
Durata: 106 min
Nazionalità: USA
Anno: 1987
Frase del film: “Io ho il Potere”

Trama:
Eternia, le forze di Skeletor stanno mettendo a ferro e fuoco il castello di Grayskull dove la “Maga di Greyskull” (Sorceress per chi conosce il cartone animato) risiede. L’attacco va a buonfine e Skeletor riesce ad intrappolarla e drenarle i poteri per poter sfruttare “l’occhio della galassia“, un potente portale che gli permetterebbe di dominare l’intero universo come un dio.
Sembrerebbe andare tutto bene per le forze del male ma il possente He-Man insieme a Man-At-Arms e Teela ed insieme ad un nano mostro Gwildor cercano di mettere i bastoni tra le ossa del nostro cattivone, come faranno? Bhe con l’ausilio del prototipo della “Chiave Cosmica” che Gwildor fabbricò in versione “Ufficiale” proprio per Skeletor. La “Chiave Cosmica” permette di aprire portali in giro per i mondi e proprio tramite questo artefatto che il nostro ossuto cattivone riesce a penetrare il castello di Grayskull e rapire la “Maga di Grayskull” (sempre Sorceress…) Come andrà a finire?

Considerazioni:
Come al solito apro con una piccola premessa, a me i film fantasy anni 80 mi sono sempre piaciuti vedi “La storia infinita“, “I Goonies“, “I Gremlins” ecc anche roba più scadente come “Yado” la tollero, fine premessa.
Detto questo I Dominatori dell’Universo, che sono stati una delle serie di giocattoli che ho consumato da piccolo, sembra partire bene, nel senso che gli effetti speciali ed i costumi sono anni 80 abbestia e anche i personaggi (quelli che ci sono) sono abbastanza coerenti alla serie animata, Dolph Lundgren si comporta bene interpretando un “poco intelligenteHe-Man e fisicamente ci sta, Skeletor è agghindato piuttosto bene e anche lui abbastanza stupido, gli altri portano a casa la pagnotta. Forse la banda dei “cattivi” lascia un pò a desiderare, sono anche loro stupidi come sul cartone animato, ma i costumi sono piuttosto brutti anche per un film fantasy anni 80.

Mi appresto quindi a godermi un buon Cafolavoro fantasy ed invece dopo una 20ina di minuti mi crolla il film addosso… per quale cavolo di motivo ogni film fantasy o di fantascienza di media fascia deve sempre intrecciare i propri destini con il nostro pianeta? O con esseri umani? Non è possibile raccontare una storia senza questo trucchetto? Sembrerebbe di no dato che la maggior parte del film è girata in america e la storia si intreccia con la solita stucchevole lovestory adolescenziale… capisco che non vuoi spendere in scenografie ma da quello che leggo su wiki c’hai speso 22 milioni di dollari cavolo… fallo durare 15 minuti di meno (anche perchè 106min sono troppi per le vicende narrate) e spendi sulle scenografie…
Comunque il film dal momento del cambio di pianeta diventa brutto, noioso e in perenne calo, non basta il pesonaggio (secondo me azzeccato per l’epoca) del detective spavaldo che spara con lo shotgun contro gli “Eterniani” per rialzare il tutto. Poi ci sono troppe scene dove si vede sta cavolo di “Chiave Cosmica” che viene suonata ed usata da tutti e ogni volta per far vedere che hanno speso i soldi per l’effetto speciale, tutti rimangono basiti…
Altra grande pecca è vedere He-Man che combatte con i fucili laser e non sfoggia nessun tipo di potere da “super uomo” come nella serie animata eravamo abituati a vedere, tranne per le ultime scene finali dove finalmente alza la spada al celo e dice la tipica frase “Io ho il Potere”… ma per il resto rimane un palestrato umano che fa a spadate e spara a destra e a manca.
Da menzionare l’esordio cinematografico di Courteney Cox (Friends, Scream, Ace Ventura) nel ruolo di Julie Winston l’adolescente con problemi che vuole cambiare vita, veramente imbarazzante… scelta secondo me solamente per il contrasto capelli neri occhi azzurri.

“Consigliato ai suonatori di ‘Chiavi Cosmiche'”

Trailer:

sagashiftyblow

Dead Snow

Dead snow

Cafoneria Divertimento
★★★★★ ★★★½☆

Titolo originale: Dead Snow
Regia: Tommy Wirkola
Minuti di vita ben impiegati per una volta: 90 min
Nazionalità: Norvegia 2009
Frase del film: “Se sei sotto una valanga sputa e poi scava nel senso opposto a dove cade. Gravità! Elementare!”
Frase dagli spalti: “Queste cose lui riesce a farle perchè, sin dall’inizio del film, spiegavano che lui ha fatto il militare!” “Sì e dove l’ha fatto? A tana delle tigri??”

Come si può dir male di un film dove la prima domanda che si fanno i protagonisti è “Siamo in vacanza in montagna in un luogo isolato e senza ricezione telefonica. Quanti film iniziano così?
La trama, come di deduce da questo, è di una banalità epocale, ma, a differenza di altri film del genere, in questo caso la cosa è voluta. O perlomeno è quello che ci piace sperare.

Quattro ragazzi e tre ragazze norvegesi vanno a passare le vacanze pasquali in un cottage in alta montagna di proprietà della fidanzata di uno dei quattro. La sera stessa dell’arrivo, i ragazzi ricevono la visita di uno strano figuro a cui, naturalmente, decidono di dare ospitalità.
D’altronde CHI non farebbe entrare un estraneo inquietante in un cottage isolato a 1000 metri d’altezza per offrirgli un bel caffè? In cambio del (disgustoso!) Nescafè (alla cui specifica della marca va il merito dell’intero budget del film) il vecchio viaggiatore racconta la storia di un gruppo di soldati nazisti che, dopo una sonora batosta presa dai russi e varie razzie di preziosi nelle case dei villaggi circostanti, si erano rifugiati, per poi morire assiderati, qui, ma proprio qui, ma proprio dove siamo noi in questo momento!
Fatte due risate e sbolognato l’estraneo, gli universitari protagonisti continuano le loro allegre vacanze tra un ritrovamento del mistico tesoro dei nazisti (due spicci di valore forse affettivo) e qualche fugace pensiero per la padrona del cottage che sarebbe dovuta arrivare un giorno fa. Ah, già… E tra vari attacchi di zombie nazisti.

Dal primo sangue fino alla fine, il film diventa una comica degna di Bud Spencer. Si va dai cazzotti con effetti sonori alle meraviglie della tecnica: come montare una mitragliatrice della seconda guerra mondiale su una slitta a motore. Per non parlare del mitico “dividiamoci“, un simpatico must dei film dell’orrore, che qui viene riproposto al suo meglio: “dividiamoci” e una volta divisi “dividiamoci di più”!!
Non dirò di più per non rovinarvi la sorpresa di questo film che, a mio parere, merita assolutamente la visione, nonostante sia disponibile (per ora e verosimilmente per sempre) in italiano solo sottotitolato.

“Consigliato a chi ancora non sa quante cose si possano fare con una falce ed un martello!”

Trailer:

Vita Persa

Giorni Ore Minuti
6 1 29

CafoFan

Amici

Meta