Archivio di aprile 2012

elfflames

Plaga Zombie: Zona mutante

Cafoneria Divertimento
★★★★½ ★★★★☆
Titolo originale: Plaga zombie: Zona mutante
Regia: Regista
Cast: Berta Muñiz, Pablo Parés, Hernán Sáez, Paulo Soria, Esteban Podetti, Sebastian Tabany, Alejandro Nagy
Durata: 97 min
Nazionalità: Argentina
Anno: 2001
Frase del film: “Splat”

 

Trama:
USA, in una cittadina non ben specificata un una razza di alieni testa uno strano virus che trasforma gli esseri umani in zombie pazzi ed assetati di carne, gli unici sopravvissuti sono lo studente di medicina Bill Johnson, l’ex-wrestler John West e il nerd Max Giggs che scaricati da un furgone dell’FBI si rendono conto di essere perseguitati da queste creature e cercano di fuggire dalla città ormai infestata… riusciranno i ragazzi a portare le chiappe fuori dalla cittadina? E cosa centra l’FBI con la sperimentazione del virus?
Considerazioni:
Finalmente un bel film splatter low-budget, di solito è il giappone la patria dello splatter/comico di genere (Tokio gore Police, Robo-Geisha ecc.), questa volta invece la pellicola viene dall’argentina, dove un gruppo di amici decide di girare questo film.
In realtà Plaga zombie: Zona mutante è il sequel di un medio metraggio sempre girato dal gruppo di buontemponi, ma questa volta il budget è molto più alto circa 700 dollari invece dei quasi 200del primo film… questo la dice lunga sui mezzi di produzione, nonostante il bassissimo costo rendono piuttosto bene il tema trattato.Il film è divertente e la storia potrebbe essere anche interessante, peccato che duri troppo… dopo una 30ina di minuti ricchi di squartamenti e scene comico/splatter si prende una piega un po’ troppo lenta che ci porta tra alti e bassi verso il finale, che effettivamente rialza un po’ il ritmo (per chi non si fosse già addormantato), proponendo una mega rissa finale tra umani e zombie dove si svela il finale a sorpresa che lascia aperta la via per un sequel.

Oltre alla storia e alle trovate comiche anche i personaggi sono azzeccati in un film del genere, ci sono l’ex wrestler in cerca di riscatto, uno studente di medicina con la stoffa da eroe e un nerd con evidenti problemi psichiatrici, gli attori che interpretano questi ruoli sono bravi e Pablo Parés nei panni dell’aspirante medico Bill Johnson è un gradino sopra gli altri, forse perchè Pablo Parés risulta essere anche il regista, quindi carpisce meglio lo spirito del personaggio all’interno del film.

Quindi per chi ama il film splatter con una vena comica questo film può essere figoso, per gli altri bhe statene alla larga non è un “horror classico” è un Cafolavoro splatter e basta!

p.s. ho scoperto girando un po in rete che è in via di uscita il terzo ed ultimo capitolo di questa saga “Plaga Zombie: Zona Mutante: Revolución Tóxica” se ne avrò l’occasione visionero anche questo Cafolavoro!

 

“Consigliato a chi vedeva sempre esplorando il corpo umano”

Trailer:
http://www.youtube.com/watch?v=anqzDlpnCms

elfflames

Heartless

Cafoneria Divertimento
★★★☆☆ ★☆☆☆☆
Titolo originale: Heartless
Regia: Philip Ridley
Cast: Jim Sturgess, Clémence Poésy, Noel Clarke, Luke Treadaway, Justin Salinger
Durata: 114 min
Nazionalità: Inghilterra
Anno: 2009
Frase del film: “Se non ci credi non funziona”

 

Trama:
In una cupa e notturna londra suburbana il giovane Jamie Morgan (Jim Sturgess) combatte la discriminazione per la sua voglia a forma di “cuore” che gli deturpa il viso (e parte della spalla). Fobico e depresso sbarca il lunario con la sua famiglia facendo servizi fotografici, proprio durante uno di questi servizi vede dei ragazzi incappucciati che danno fuoco a cose e persone, Jamie indaga e scopre che i teppisti sono in realtà dei mostri che spargono violenza e chaos in città, la situazione peggiora quando la vittima delle violenze è la madre di Jamie, da li in poi il ragazzo entrerà in un turbine di follia e voglia di vendetta.
Considerazioni:
Questo film di per se non è brutto, nel senso che la fotografia e gli scenari proposti da Philip Ridley sono validi, l’inquietudine e lo stato di “disperazione” che pervade Jamie sono riportati piuttosto bene, purtroppo però il film è completamente sconclusionato, da circa metà in poi gli eventi ed i personaggi diventano “casuali” cosa che rende lo spettatore spaesato.

Non dirò nulla sulla trama ne sul finale, cosa che rende la recensione piuttosto difficile da fare dato che l’analisi andrebbe proprio su questi due aspetti, ma alcune cose bisogna citarle per forza.
La presenza del “diavolo” chiamato “Papa B” che sembrerebbe plagiare i ragazzi londinesi con il solito patto “esprimi un desiderio e poi mi devi dei favori” favori che riguardano il chaos da portare in giro per la città.
La presenza di Belle, una bambina indiana che fa da assistente/schiava di Papa B anche se in alcuni momenti potrebbe ricordare la figura dell’angelo buono.
La parte finale della pellicola è da punto interrogativo, personalmente finito il film (tra l’altro piuttosto tardi dato che seguiva un altro cafolavoro come Ninja) la prima cosa che ho pensato è stata “Che cagata stratosferica, ho buttato due ore di vita” proprio questo pensiero mi ha spronato a recensire questo “cafo”.

Da pseudosalavare sono gli attori che rendono abbastanza bene la follia e la paranoia del film. Da sottolineare poi la prova del “puttano” (ebbene si una vittima del film è un ragazzo che si prostituisce) del quale attore non mi è possibile reperire il nome, che da alla pellicola la parte più divertente e gore.

Il consiglio che posso darvi è paradossalmente di vedere Heartless perchè è il classico film che “te lo devi spiegare da solo” e a parecchi cineamatori questa cosa piace.

 

“Consigliato agli amanti del bricolage cinematografico”

Trailer:

Matt

Paranormal Xperience 3D

Cafoneria Divertimento
★★★★☆ ★★★☆☆
Titolo originale: XP3D
Regia: Sergi Vizcaino
Cast: Amaia Salamanca; Maxi Iglesias; Luis Fernández; Úrsula Corberó; Alba Ribas; Oscar Sinela; Miguel de Blas; Eduard Farelo; Miguel Ángel Jenner;
Durata: 90 min
Nazionalità: [Spagna
Anno: 2011
Frase del film: (tu) fossi doppiamente intelligente, saresti lo stesso scemo

 

Trama:
Un gruppetto di ragazzi si reca in un villaggio abbandonato per mettere alla prova ciò che è di sovrannaturale … ed alla fine ci crepano.
Considerazioni:
Ricetta per clonare un cafolavoro:prendete “Non aprite quella porta”, “Le colline hanno gli occhi” “Shrooms – Trip senza ritorno” e “The Blair With Project” aggiungete un pizzico di “Saw – L’enigmista”, qualche scena di “Final Destination” e “La maschera di cera”, frullate tutto insieme e spalmate il composto su attori mediocri; cuocete a fuoco lento per 90 minuti e sfornerete questo film.Siamo di fronte ad una triste riproposizione del solito horror che vede protagonisti un gruppo di teen ager americani, solo che sono leggermente più grandi (frequentano l’università) ed è made in Spain; nonostante la diversa collocazione geografica gli elementi ci sono proprio tutti: il gruppetto è composto da 3 maschi (un “trombadores”, il ragazzo bello e sensibile e lo sfigato gotico nerd)  e casualmente 3 femmine (la principessa, la donna forte ed intraprendente e sua sorella psicopatica), mettiamoli in un villaggio abbandonato con chiese e miniere dove, nel passato, un medico pazzo torturava chiunque, e qua e là ecco delle maschere in pelle.E’ vero, vi domanderete voi, ma con questo titolo, ti aspettavi qualcosa di meglio? No! Il film non può deludere perché chi ha deciso di guardarlo, sicuramente, non poteva avere diversa aspettativa. I vari “paranormal” che ci perseguitano da 20 anni a questa parte, oramai, hanno sviscerato lo sviscerabile e di certo non possiamo pretendere che sia questo filmucolo a fare un passo verso una nuova dimensione! “Ed il 3D non è una novità?” si saranno domandati i più audaci! Purtroppo no! Tanto scontata la trama ed il finale che persino le scene più altamente tecnologiche non riescono a creare un momento di suspance.

Intelligente è stata la mossa pubblicitaria che, però, può avere un eco così forte solo in Spagna; infatti due dei protagonisti sono Maxi Iglesias  (il ragazzo dolce e sensibile) e Úrsula Corberó  (la principessina stile cheerleader  “de no artri” citando lo spagnolo maccheronico di Pieriaccioni ne “Il Ciclone”) rispettivamente Cabano e Ruth della serie tv spagnola  “Fisica o Chimica”, serial stupendo e trasmesso su Rai 4 tra mille polemiche e la forte opposizione vaticana, nel quale i due, non a caso, recitano la parte di due studenti fidanzati.

Insomma un film con cui passare 90 minuti della propria vita mentre, volendo, si stirano i panni, si dividono i capi bianchi dai colorati oppure ci stiamo allegramente sbonzando, da soli od in compagnia.
Nota di colore, di plauso, in questo film così uguale agli altri, è la ghost track alla fine di tutti i titoli di coda, che quantomeno spiega a sorpresa la fine del film.

 

“Consigliato a chi ama fare altro mentre guarda un film”

Trailer:

Vita Persa

Giorni Ore Minuti
6 1 29

CafoFan

Amici

Meta