Archivio di giugno 2012

cater

La guerra dei mondi

la guerra dei mondi

Cafoneria Divertimento
★½☆☆☆ ☆☆☆☆☆

 

Titolo originale: War of the Worlds
Regia: Steven Spielberg
Cast:  Tom Cruise, Dakota Fanning, Miranda Otto, Justin Chatwin, Tim Robbins
Durata: 112 min
Nazionalità: Usa
Anno: 2005
Frase del film: “Papà io devo andare…devo andare..devo andare” NDR dove cazzo vai!!??

 

Trama:
Ray (Tom Cruise) è un padre poco presente nella vita dei figli (che vivono con la madre e il nuovo compagno), nel fine settimana in cui la madre (Miranda Otto, sciupatissima devo dire ^^) glieli affida gli alieni decidono d’invadere la Terra.

 

Considerazioni:
Neanche Steven Spielberg riesce a fare un film sugli alieni (ET escluso) che non sia un cafo. Come in Skyline non viene ben spiegato il motivo per cui gli alieni invadano la Terra, si capisce solo che invece dei cervelli qui ci bevono e poi sputacchiano sangue in giro tipo fertilizzante su delle sorte di radici.
Alieni a parte che non sono fatti male (vorrei anche vedere con un budget di 132.000.000 $ O.o) il problema di questo film sono Tom Cruise, che non c’incastra niente (però corre) e oltretutto interpreta un personaggio del kaiser, e la trama, pressochè inesistente.
Dopo il primo quarto d’ora inizi ad odiare Dakota Fanning che ogni tre secondi urla, non capisci bene il ruolo del figlio maggiore che ha evidenti istinti suicidi, ma lui deve andare, e ad un certo punto del film lo vedi correre insieme a carriarmati, camionette e elicotteri d’assalto verso un tripudio di alieni, e pensi “vai ce lo siamo levato” per poi ritrovarlo a Boston a casa della su mamma tranquillo e incolume (probabilmente Justin Chatwin aveva un altro film da fare)….
Soldi buttati per allungare il brodo con Tim Robbins, che interpreta un sopravvissuto con evidenti turbe psichiche.
Alieni spietatissimi da una parte e Tom cruise dall’altra, ti aspetti che parta a corsa armato di super liquidator e salvi il mondo e invece ti ritrovi che ne so  Mel Gibson (dopo Arma Letale e prima di Viaggio in paradiso <che anche quello dev essere un bel cafo>) che dice “guarda gli uccelli”.
Film deludente e noioso.

 

 

“Consigliato a chi preferisce gli starnuti alle bombe a mano”

Trailer:

sagashiftyblow

Viaggio nell’isola misteriosa

Cafoneria Divertimento
★★★★★ ★★★★☆
Titolo originale: Viaggio nell’Isola Misteriosa
Regia: Brad Peyton
Cast: Dwayne Johnson, Michael Caine, Josh Hutcherson, Luis Guzmán, Vanessa Hudgens
Durata: 94 min
Nazionalità: USA
Anno: 2012
Frase del film: “Mi ha castrato il razzo!”
Trama:
Sean Anderson, ragazzino con velleità da esploratore, riceve un messaggio criptato dal nonno disperso da due anni. Grazie all’aiuto del patrigno Hank (The Rock) riesce a decifrare il messaggio e scopre che l’isola misteriosa di Verne esiste. Suo nonno lo sta chiamando da laggiù. Decidono, allora, di partire alla volta dell’ignoto per ritrovare il nonno perduto e la famosa isola.
Considerazioni:
Il tono del film comincia ad essere chiaro immediatamente, non appena il patrigno del ragazzo riesce a tradurre nel giro di trenta secondi un complicato codice criptato (perchè lui da giovane aveva fatto il marine) e poi, strappando tre pagine di tre libri casualmente rinvenuti in casa, riesce a trovare mappa e coordinate dell’isola misteriosa (perchè lui da giovane in marina aveva fatto parte della squadra di decriptaggio e diosacosaggio). Anche saltando a piè pari la parte in cui reclutano come guide la gnocca e la macchietta, figure che non possono mancare, purtroppo la situazione non migliora. Si susseguono una serie infinita e disarmante di luoghi comuni, ma comuni, ma COSì comuni, che a volte si riesce a prevedere il resto del film con un anticipo di almeno mezz’ora. Aggiungendo un budget contenuto, risulta un film perfetto per le tre del pomeriggio di una domenica estiva su italia uno.Continuando a vedere il film con questa idea in testa, però, devo dire che può risultare molto divertente al modo, tutto proprio, dei cafolavori. Un rocambolesco viaggio a cavallo di api inseguite da colibrì giganti, The Rock che spiega al protagonista che la cosa che più attrae le donne sono i pettorali danzanti, il ritrovamento di Atlantide e le frasi fatidiche (di cui il film è zeppo) come:Nonno esploratore: “Questa isola si inabissa ogni tanto e passa metà della sua vita sott’acqua, ma non accadrà prima di 14 anni ancora”
The Rock tuttofare: “A dire la verità qui c’è acqua salata: accadrà tra massimo 2 giorni” (lo sapeva perchè da giovane in marina aveva fatto il geologo)che, unite ai tipici deliri starwarsisti del tipo “io sono suo nonno” “io sono suo padre” “io sono sua cugina di terzo grado”, fanno sorridere!

Da non dimenticare The Rock che riesce ad aggiustare un sottomarino (perchè lui da giovane in marina aveva letto il capitolo 27 de “L’isola Misteriosa” di Verne).

 

“Consigliato a chi ha 120 chili di pettorali!”

Trailer:

elfflames

Ninja contro Alieni

ninjavsalieni

Cafoneria Divertimento
★★★★★ ★★★★★
Titolo originale: Alien vs. Ninja
Regia: Seiji Chiba
Cast: Mika Hijii, Ben Hiura, Shûji Kashiwabara, Masanori Mimoto, Yûki Ogoe, Donpei Tsuchihira
Durata: 81 min
Nazionalità: Giappone
Anno: 2011
Frase del film: “Fuck You, Fuck You, Fuck You, Fuck You, Fuck You, Fuck You…”

 

Trama:
Degli improbabili ninja stanno combattendo una lotta tra fazioni avverse, purtroppo un evento imprevedibile interrompe la faida, un meteorite cade dal cielo ed in nostri sono costretti a combattere una creatura aliena che pian piano inizia a seminare il panico tra la popolazione.
Riusciranno i “valenti eroi” a sconfiggere la minaccia e salvare il regno?
Considerazioni:
Che dire per festeggiare lo sforamento dei 3 giorni di vita persi davanti a cafolavori e film brutti, non potevo sperare in meglio!
Bhe l’ho trovato questo è il cafolavoro più assurdo e divertente che abbia mai visto! Allucinante, pazzo, improbabile ed esilarante! Girato malissimo e senza una storia, 80minuti di puro caso, con combattimenti al limite del ridicolo, dove vengono toccati tutti gli stereotipi dei manga giapponesi della più bassa lega, neanche Dark Hunters arriva a questi apici di follia.
Si parte con il gruppo di ninja che deve sconfiggere una ipotetica fazione opposta ma purtroppo ci si mettono in mezzo questi alieni che “fecondano” le persone con dei parassiti, rendendo le vittime delle marionette al proprio servizio. Gli alieni in questione sono una specie di mix tra godzilla e denver (per chi non se lo ricorda eccone un’immagine) con evidenti problemi motori…
Mentre i ninja sono dei ragazzetti, con evidenti turbe adolescenziali, vestiti tipo un mix di power rangers e mortal kombat, attenzione perchè l’abbigliamento è fondamentale dato che chi indossa un copricapo o maschera nel film è destinato alla morte, un po’ come le tutine rosse di star trek!
Ovviamente anche nel gruppo dei “protagonisti” ci imbattiamo negli stereotipi, c’è il fighetto sborone ma infondo buono, il fighetto introspettivo, la fighetta tutto onore e poi c’è il demente(da notare che non è fighetto) che dopo pochi secondi dall’inizio del film tutti gli spettatori sperano che muoia nella maniera più cruenta possibile.La pellicola si dipana tra scene splatter/comiche fino ad arrivare al finale aperto che ci fa sperare in un sequel.
Purtroppo non posso dire altro sulla storia, non tanto per rivelare segreti sulla trama, ma proprio perchè una storia vera e propria non c’è… però le scene sono troppo divertenti, tre su tutte: la simulata scena di sesso tra l’alieno e la ninja (niente di sconcio anzi da sbellicarsi) poi il momento assurdo nel quale tutti i ninja controllati dall’alieno iniziano a dire parolacce in inglese senza alcun motivo evidente, e poi il combattimento finale che da solo vale il film!

Quindi consiglio vivamente di vedere questo cafo, specialmente se siete un po’ tristi e volete tirarvi su il morale, non ve ne pentirete!!

 

“Consigliato a chi crede che la trasmissione ‘Mistero’ di italia1 vi stia nascondendo qualcosa”

Trailer:

Matt

Biancaneve (2012)

Cafoneria Divertimento
★★★★★ ★★★★★

 

Titolo originale: Mirror Mirror
Regia: Tarsem Singh
Cast: Lily Collins; Julia Roberts; Armie Hammer; Nathan Lane; Sean Bean; Mare Winningham; Michael Lerner; Robert Emms; Mark Povinelli; Danny Woodburn; Jordan Prentice; Ronald Lee Clark; Sebastian Saraceno; Martin Klebba; Joe Gnoffo;
Durata: 105 min
Nazionalità: USA
Anno: 2012
Frase del film: “… hai addirittura anelato al nettare della sua pelle”
Trama:
La storia di  una Biancaneve sciapita, riveduta e corretta, con dei nani sui generis, esageratamente, un principe un tantino più pirla del normale ed una splendida regina cattiva, che è la vera protagonista della storia
Considerazioni:
Lato positivo indubbiamente è la presenza di Julia Roberts, incantevole, con quel viso, le sue espressioni, quella bocca come un forno da pasticcere che si apre in un sorriso a 264 denti, è impossibile non sorridere ad ogni suo intervento … e fa la regina cattiva; questa regina cattiva degna di ogni fiaba: astuta, bella (come la regina del lungometraggio Disney che è la cattiva più bella tra tutte le cattive), ma per assurdo risulta troppo solare.Passiamo ai lati negativi: in una sola parola “il resto del film”.Si parte subito dall’alto, Biancaneve! Una ragazza senza arte ne parte impersonata da una attrice mediocre; fisicamente niente di che, catturano le sopraciglia folte, un po’ anni ’80, ma niente di più, ne bella ne brutta, del tutto priva di ogni carisma, impossibile poterla identificare con una protagonista, benché meno con una eroina come la storia vorrebbe venderla.Ancor meno degno di nota il personaggio rimbambito del principe che fisicamente si affianca a quello di Biancaneve: privo di ogni possibile sex appeal.I nani, per assurdo, sono più interessanti fisicamente, quantomeno sono nani, e si sono impegnati a cercarli di etnia diversa l’uni dagli altri, peccato che la rivoluzione di cambiar loro nomi e personalità sia risultato esagerato e sconvolgente per chi è affezionato ai nostri beneamati minatori che vivono nel bosco.
In tutto il film vincono il premio cafolarvoro l’ambientazione ed i costumi: la prima senza alcun lavoro creativo, anzi, evidentemente creata al computer, nel senso che pareva disegnata con il programma “paint” di Windows 1.0 del 1985, mancava solo di vedere i quadrettoni dei pixel; i secondi ancora peggio … avete presente i regali che si fanno alle scuole elementari per la festa della mamma? Quelli con la rafia colorata? Bene, immaginate se quel materiale fosse usato per confezionare abiti pomposi e multicolor, sembrava di essere alla sagra del fantastico-fatto a mano-povero.Insomma, di tanti film visti in questa prima metà 2012 è in assoluto quello peggiore! Riesce ad alzarsi di tono solo nelle scene con la Roberts che, per quanto splendida, non fa molto di più di ciò che ha fatto nella pubblicità del caffè con Bonolis.Dimenticavo il finale mostruoso: canzone e coreografia di tutti i presenti in scena stile Bollywood , da far accapponare la pelle, avrebbero dovuto vietarlo ai minori di 14 anni!

 

“Consigliato a chi pensa che toccato il fondo si possa ancora scavare”

Trailer:

Vita Persa

Giorni Ore Minuti
6 1 29

CafoFan

Amici

Meta