Archivio di luglio 2012

cater

100 Million BC – La guerra dei dinosauri

100 million bc

Cafoneria Divertimento
★★★★☆ ★★★☆☆

 

Titolo originale: 100 Million BC
Regia: Griff Furst
Cast: Michael Gross, Christopher Atkins, Greg Evigan, Marie Westbrook, Phil Burke, Wendy Carter
Durata: 85 min
Nazionalità: Usa
Anno: 2008
Frase del film: “Trovato! noi ci buttiamo”

 

Trama:
Il dr Frank Reno (detto “schizzo” dai protagonisti) inventa una macchina per viaggiare nel tempo. Nel 1949 parte la prima spedizione di esploratori, di cui fa parte il fratello di Frank, Erik (ribattezzato da noi Occhio di Falco) (Christopher Atkins, vi ricordate Laguna Blu? ^^), ma qualcosa va storto e gli esploratori rimangono intrappolati nel Cretaceo. Passano gli anni,Frank perfeziona la sua macchina del tempo,e, quando vengono ritrovate delle scritte in inglese datate epoca preistorica, ha tutto quello che gli serve per andare a riprenderli, parte quindi con un gruppo di Navy Seals per il 70.000.000 a.C (nonostante il titolo). Sulla via del rientro ai giorni nostri però troverà spazio anche “il grande rosso“.

 

Considerazioni:
Sky cinema max non delude proprio mai, fonte inesauribile di cafolavori, è li che ho trovato questa perla di rara bruttezza, dalla sceneggiatura, agli attori quasi tutti anonimi, con un occhio puntato sugli effetti speciali tremendi.
La cosa peggiore del film sono in assoluto i dinosauri  da quando fanno la loro comparsa sulla scena intravedendo la testa di una specie di coccodrillo preistorico in un momento in cui probabilmente al regista stava cadendo la telecamera, è un escaletion di “terrore”, velociraptor sbullonati, pterodattili agghiaccianti e il t-rex con evidenti problemi di proporzioni. Volendo si potrebbe accennare alla macchina del tempo, un misto tra Stargate e power ranger o agli elicotteri che sembrano attaccati col filo.
La cosa migliore invece sono le scenette studiate ad arte del tipo:-vi verranno dati dei farmaci, trai quali quelli per il mal di montagna

-tutto ok ragazzi? si girano e c’è una faccia inglobata in un albero, nella scena successiva viene inquadrata per interminabili secondi una pianta ( e pensi “eccola li”)….passa un soldato la guarda e questa inizia a sputargli in faccia roba bianca che è tipo corrosiva va nel fiume per sciacquarsi e arriva il “coccodrillo”..

-Tenente: “che ti prende Burke?”
Burke: “non voglio essere mangiato”
Tenente: “vado io..non mi sparare Burke (risatina sardonica)..non c’è niente qui, nessuno ci vuole mangiar…” BEVUTO da un velociraptor

-“come cazzo fa a muoversi così velocemente??!! ” e il professore “guarda che forse ce n’è più di uno…”

-un soldato sembra ormai spacciato mezzo sbranato dai velociraptor ma tadan! arrivano i cavernicoli truccati malissimo (i precedenti esploratori mandati li) a salvarlo, per poi dirgli ” mi dispiace, quelle bestie  puliscono le zampe nelle loro feci ti ucciderà l’infezione

state attenti questo è un posto pericoloso! (ma dai non ce n’eravamo accorti =.=) andiamo via prima che arrivi “il grande rosso”

-“Posso fare una domanda? Nel ’49 non si arruolavano donne nell’esercito voi perchè siete qui?” Ruth:”beh lei è un’infermiera, per quanto riguarda me…qualcuno doveva pur fare il caffè….”

-un soldato stanco si sdraia a terra, per rialzarsi un compagno gli dice “prendimi la mano” l’altro “prendimi il ca..o” due secondi dopo prenderà il volo ^^

-(nei tempi nostri) “stiamo cercando un dinosauro” elicotterista “per caso sa anche volare?” no basta che salti

-dopo aver visto che i vecchi esploratori nei tempi nostri corrono più veloci delle macchine  un marines esclama “non dovrebbero essere così veloci!” in risposta ottiene “è perchè si sono adattati a livelli di vita differenti, sono diventati dei SUPER UOMINI  (uahahahahahah)

-conversazione trai super uomini “dobbiamo intrappolarlo nel tunnel della terza strada” “e come facciamo” “dobbiamo correre ancora…”

 

 

“Consigliato agli inventori di macchine del tempo”

Trailer:

cater

Biancaneve e il cacciatore

biancaneve e il cacciatore

Cafoneria Divertimento
★★☆☆☆ ★★☆☆☆

 

Titolo originale: Snow White & the Huntsman
Regia:  Rupert Sanders
Cast:  Kristen Stewart, Charlize Theron, Chris Hemsworth, Sam Claflin, Ian McShane
Durata: 127 min
Nazionalità: Usa
Anno: 2012
Frase del film: sasso carta forbice, pane al pane vino al vino.. ah no “gelo al fuoco fuoco al gelo”
Trama:
Biancaneve,figlia del Re Magnus (=.=)rimane presto orfana di madre; il padre inconsolabile si riprende subito quando vede Charlize Theron (mi pare comprensibile ^^)la futura Regina cattiva (Ravenna)che decide di sposare subito, purtroppo per lui non vedrà l’alba del giorno dopo, verrà infatti assassinato la prima notte di nozze e Ravenna prenderà così il controllo del regno. Passano 15 anni in cui la Regina instaura il suo dominio di terrore, aiutata dalla sua abilità nell’uso delle arti oscure (che le permettono di rimanere sempre giovane e bella prosciugando le possibili “rivali”) e dal fratello albino coi capelli da paggetto, finchè lo specchio magico avvisa la Regina che Biancaneve (Kristen Stewart)  ha compiuto 18 anni e adesso è lei la più bella del reame (cof cof) e che se vuole rimanere giovane e bella per sempre dovrà cibarsi del suo cuore.
Ovviamente Biancaneve rinchiusa in cima alla torre nord del castello riesce a fuggire ma cercando di raggiungere il Duca di Hammond (padre dell’amico d’infanzia William e unico a tentare di resistere alla regina in questi anni) finisce nella foresta oscura.
Dal momento che li non ha potere, la Regina decide di assoldare un uomo che ci sia già stato e le porti il cuore di Biancaneve, il Cacciatore (Chris Hemsworth). Da qui inizia la caccia, il Cacciatore la trova quasi subito, ma quando il fratello della regina molto furbescamente gli dice che i patti sono impossibili da rispettare, lui deciderà di aiutare Biancaneve a raggiungere il castello del duca, quindi gli inseguitori diventeranno il fratello della regina e i suoi scagnozzi, e successivamente c’andrà Ravenna stessa (chi fa da sè fa per tre). Nel mentre faranno la loro comparsa nani, fatine, cervi e la mela avvelenata. Come andrà a finire?

 

Considerazioni:
Partiamo da quello che si salva di questo film, l’ambientazione, figa devo dire, si sarebbe potuta prestare ancora meglio se il film fosse stato pensato in maniera meno commerciale, e la trama, che comunque non è la classica storia con Biancaneve demente che canticchia agli uccellini e mangia mele dagli estranei aspettando il principe azzurro, con il personaggio della regina cattiva che devo dire è stato pensato bene.Detto questo la domanda che tutti si sono posti credo sia stata: Perchè c’hanno messo Kristen Stewart?? Se uno volesse anche solo tralasciare il piccolo dettaglio che se la strega cattiva la fai interpretare da Charlize Theron, la scialba e insignificante Stewart non dovrebbe nemmeno sfiorarti la mente…ma perchè scegliere l’attrice meno interpretativa che gira in circolazione al momento, persino Violante Placido in ghost rider 2 è più espressiva di lei, ma non lo vedono che ogni espressione che fa sembra sempre che gli scappi d’andare al bagno!?!?

A questo punto se tanto decidi di non puntare sull’interpretazione per quanto riguarda Biancaneve, per lo meno mettici che ne so una modella, o una donna che abbia una bellezza tale per cui quando lo specchio dice “la più belle del reame è Biancaneve” non pensi “ma chi? quella smorta della Stewart?” Comunque…..quasi niente da ridire sulla Theron, tranne il fatto che forse la fanno urlare un pò troppo per i miei gusti; Chris Hemsworth, non gli riescono le scene di pathos ma devo dire che in questo film è accettabile; i nani, lasciamo perdere; il principe William, apparte un inizio che lasciava qualche speranza, poi verrebbe da dirgli “svegliati un pochino…”.
Il fondo del barile è stato però raschiato nel momento del discorso per fomentare le masse, già pensando che ne so, al Gladiatore, Braveheart, il Signore degli Anelli.. la presenza della Stewart appena risorta non aiutava, poi quando le fai dire con la sua grande dote interpretativa frasi del tipo “Il gelo il fuoco il fuoco il gelo” che sembra stia pensando “patate, pomodori, e…??” e poi “Noi dobbiamo cavalcare come un onda tonate sotto la bandiera lacera di mio padre….il ferro fonderà ma poi si solidificherà in se stesso! (pausa)… per tutti questi anni ho visto solo il buio e io so che quella luce brucia in tutti voi quelle braci devono diventare fiamme e il ferro spade, io sarò la vostra spada forgiata dal fuoco dei vostri cuori…poichè io ho visto ciò che lei vede io so ciò che lei sa….io posso ucciderla ..e chi cavalcherà con me, chi sarà mio fratello?!!”…. ma ‘ndo vai!!! ma te lo sei scritto da sola sta cacata di discorso?

“Consigliato a chi gli sta scadendo l’abbonamento del cinema e non ha altre alternative”

Trailer:

cater

In the name of the King

In the name of the king

Cafoneria Divertimento
★★★½☆ ★★☆☆☆

 

Titolo originale: In the Name of the King: A Dungeon Siege Tale
Regia: Uwe Boll
Cast:  Jason Statham, Leelee Sobieski, John Rhys-Davies, Ron Perlman, Claire Forlani, Ray Liotta, Burt Reynolds
Durata: 124 min
Nazionalità: Germania, Canada, Usa
Anno: 2008
Frase del film: che sapete di un uomo chiamato “il fattore”

 

Trama:
Farmer Daimon, detto il fattone ^^, “il fattore” (Jason Statham) vive in un piccolo villaggio di contadini con moglie e figlio, tutto tranquillo finchè un giorno dei mostri controllati dal mago Gallian (Ray Liotta che evidentemente aveva bisogno di soldi), i Krug, distruggono il villaggio gli uccidono il figlio e gli rapiscono la moglie. Ovviamente il fattore s’incazza, rifiuta di entrare nell’esercito reale e parte alla ricerca della moglie uccidendo chiunque gli capiti davanti, accompagnato dal cognato e dal suo vecchio tutore (Ron Perlman), che però finiranno anche loro prigionieri.  Tutto questo succede perchè Gallian vuole ottenere potere detronizzando il re e mettendo al suo posto il nipote psicolabile, ma ancora non sa che non potrà nulla contro un contadino impossessato da un monaco shaolin, il penultimo mago rimasto sulla Terra e degli uomini sulle liane.

 

Considerazioni:
Innanzitutto questo film prende almeno 3 cacche solo per i costumi dei mostri  probabilmente riciclati da qualche b-movie degli anni 80, e per gli effetti speciali incommentabili. Detto questo ci sono tante di quella cafolavorate che ti chiedi come sia possibile, poi però ripensi al cast e basterebbe la sola presenza di Statham per farlo finire in questo blog, quando poi gli fai interpretare un contadino che combatte coi machete esperto di arti marziali e che fa le passeggiate sulle spalle della gente, non c’è speranza.
Devo dire poi che anche Perlman negli ultimi anni sta diventando attore da cafo (L’ultimo dei templari, Devil’s Tomb – A caccia del diavolo, Outlander – L’ultimo vichingo) , qui poi grande interpretazione “io non voglio vivere da schiavo”..tranquillo tre secondi e morirai invano ^^; e Davies, che qui interpreta il mago del re e si lancia in scene della serie “luke io sono tuo padre, anzi lui è tuo figlio” o “prendi i poteri che mi sono rimasti”, lo segue a ruota, difatti  a parte Il signore degli Anelli, ce lo ritroviamo in film come Fire & Ice – Le cronache del drago.
Al cast vanno aggiunti ninja che scendono dagli alberi e si lanciano in coreografie da circo, peter pan e i bimbi sperduti che si muovono su liane d’edera attaccate a dei pini (vabè) e la figlia del mago del re che nonostante manifesti apertamente di avere dei poteri, il padre lo capisce solo dopo vent’anni e in punto di morte.
Tralasciando il fatto che i personaggi dopo due ore di combattimento non hanno manco una goccia di sudore, che se voli disotto da una cascata teoricamente dovresti morire o perlomeno rimanere gravemente ferito e non uscirne incolume, che se anche tua moglie ti chiama “il fattore” forse dovresti chiederti se hai un nome, che potrebbe essere Manolo data l’arrampicata a mani nude dopo essere stato lanciato a tutto foco su una parete verticale, che i veleni dovrebbero avere il tempo di entrare in circolo prima di fare effetto….perchè qualcuno dovrebbe fare una porta su una montagna per far passare l’aria???!!!???
Concludo accennando al finale con clichè nel clichè del clichè , combattimento con Liotta che fa matrix e Statham che fa il monaco con tanto di vortice di libri e mani al collo, cosa si può volere di più da un cafolavoro.

 

Approfondimento (by Elfflames):
Vorrei approfondire l’articolo recensito da Cater dato che questo cafolavoro riguarda il mondo dei video game, infatti (e purtroppo) è una trasposizione su pellicola del gioco RPG, Dungeon Siege…  Dico purtroppo perche la regia e giustamente anche la produzione è del fantomatico Uwe Boll! Per chi non conoscesse questo personaggio può farsi una cultura su Wiki, comunque in breve questo pseudo regista si diverte a ideare, produrre e dirigere film presi dal mondo dei videogiochi, ne ha fatti parecchi e tutti orrendi, questo ha causato una sommossa da parte dei gamers che con una raccolta firme a chiesto a Boll di non rovinare giochi magari belli con pellicole insulse, purtroppo il messaggio non è stato ben recepito dal Nostro che quindi continua a sfornare c….e a rotta di collo, cosa che personalmente da fastidio ma che in ottica blog e cafolavori ci da un sacco di buoni spunti!

 

 

“Consigliato ai contadini tossici”

Trailer:

cater

Skyline

slyline

Cafoneria Divertimento
★★½☆☆ ★½☆☆☆

 

Titolo originale: Skyline
Regia: Colin Strause, Greg Strause
Cast: Eric Balfour, Scottie Thompson, Brittany Daniel, David Zayas, Donald Faison
Durata: 90 min
Nazionalità: Usa
Anno: 2010
Frase del film: Non ci sono abbastanza tende!

 

Trama:
Il fotografo Jarrod e la sua fidanzata vanno a Los Angeles per il compleanno di Terry, di ritorno dai festeggiamenti vedono cominciare a scendere dal cielo lampi azzurri, sono arrivati gli alieni ovviamente, e si barricano in appartamento con altri. Mentre i rappresentanti della razza umana si lanciano in rivelazioni sentimentali, grandi pensate e scatti isterici, gli alieni prendono pieno possesso della situazione (e dei nostri cervelli) e quando i protagonisti si accorgono che restare in appartamento non è poi così sicuro tentano la fuga in macchina (non arrivano nemmeno all’uscita del garage ^^) per poi ritornare, in numero ridotto, in appartamento. Jarrod dopo un contatto con gli alieni non è che stia benissimo però, dopo aver visto che anche l’esercito non serve a molto, decide di tentare di raggiungere un elicottero fuori dal palazzo con la fidanzata mentre gli altri rimangono barricati, diciamo che entrambe le scelte saranno un pò infelici.
Considerazioni:
Los Angeles è meta ambita dagli alieni a quanto pare, 8 volte su 10 l’invasione parte da li, quindi chi dovesse  sceglierla come meta turistica metta in valigia un cornino rosso non si sa mai ^^.
Premessa a parte, il Problema di questo film (a prescindere da qualsiasi cosa scriverò dopo) è che finisce quando diventa interessante.
Vieni trascinato nell’ apatia per 85 minuti e poi improvvisamente esci dal torpore e ne sei quasi stupito, ma non fai in tempo a pensare “tho potrebbe non essere proprio una m…a di film” che finisce! e rimani li come un demente a chiederti “ma come??!!”, e la cosa tragicomica è che devi vedere i titoli di coda per capire più o meno cosa succederà..possibile sequel?
Per quanto riguarda i primi 85 minuti la sceneggiatura fa pena, un’accozzaglia di scene già viste di film su invasioni aliene da Indipendence day alla Guerra dei Mondi (con un certo non so che di Matrix) vengono interpretate da attori monoespressione e condite con dialoghi (pochi per fortuna) agghiaccianti, alcune scene non hanno senso di esistere e sembrano messe li giusto per, per non parlare del fatto che oltre a non sapere perchè gli alieni c’invadano (cervelli apparte) non sai manco come va a finire =.=
Che poi il fatto è che uno non pretende chissà cosa da un film sugli alieni, non lo vai certo a vedere per la profondità degli argomenti trattati o perchè vuoi vedere l’interpretazione dell’attore che ha vinto l’oscar; vorresti semplicemente passare due ore di relax tra alieni zombie tentacolari bio-meccanici che ti cercano perchè vogliono il tuo cervello, ma uno cmq spera che ci sia qualcosa di più, magari una sottospecie di trama, magari du risate ogni tanto, non è che un film si fa solo con gli effetti speciali. Qui giusto quelli si salvano, ma vorrei anche vedere dato che Colin e Greg Strauss fanno quello di lavoro, e ci sarebbe da chiedergli il motivo per cui non si limitino a quello dato che è una professione ben remunerata.
In conclusione: menomale che l’ho visto su sky e non al cinema

 

“Consigliato a chi porta sempre con se un cervello di scorta”

Trailer:

cater

Thor-Il martello degli dei

Cafoneria Divertimento
★★★★☆ ★★★☆☆

 

Titolo originale: Hammer of the Gods
Regia:Todor Chapkanov
Cast: Zachery Ty Bryan, Mac Brandt, John Laskowski, Daz Crawford, Nicole Ennemoser
Durata: 82 min
Nazionalità:Usa
Anno: 2009
Frase del film:SEMPRE!!!!!

 

Trama:
Thor,detto “Il bolfido”, insieme al fratello Baldur, Sif, Freyj,Ulfrich e altri vichinghi, viaggiano per mare alla ricerca di fama e gloria. Quando arrivano su un’isola misteriosa apparentemente inesplorata, si accorgono a loro spese che in realtà così non è, e mentre strane creature dalla dubbia provenienza cominciano a fare stragi, Thor tra una visione e l’altra cerca il suo martello.

 

Considerazioni:
Ore 23.10 circa appena finito di vedere Terminator, partono i titoli di apertura di un altro film…
già dalle scritte si percepisce un’aura di cafo… poi tra i titoli compare  THOR (e parte un “Naaaaahhh”) subito dopo una nave oscena fatta in computer grafica di serie y solca delle improbabili onde e parte la voce narrante.
Danilo scatta a prendere il giornaletto, è lui Thor-il martello degli dei, giudizio: una palla (su 4)
Il grado di cafoneria è inequivocabilmente definito quando il personaggio col capello lungo biondo e un certo carisma chiama Thor quello bolfido con la cresta da mohicano e l’espressione da “un panino al crudo”.
Andando avanti nel film la computer grafica non migliora, compaiono dei mostri con la testa “da lupo” tremendi, per non parlare delle visioni delle vite precedenti di Thor che da quanto so fatte male la prima volta che vedi il mjolnir parti a ridere; la ciliegina sulla torta però sono Fenrir il figlio di Loki sotto forma di lupo, e Ulfrich che dopo una speciè di trasformazione si ritrova con un culo sulla fronte ^^.
La trama già di per se pessima non viene assolutamente aiutata nè dal montaggio delle scene, fatto totalmente a caso,nè dai dialoghi, che in alcuni momenti devo dire sono esilaranti.
Attori raccattati per strada,il regista ha tentato di nascondere le loro mono espressioni dietro a una variegata serie di elmi ma non c’è riuscito, di tre attrici donne non se ne salva una ( René Ferretti le definirebbe Cagne!), gli altri uno peggio dell’altro. I combattimenti poi peggio che andar di notte, siamo sul livello “spada sotto l’ascella”, conditi con qualche frase a effetto del tipo “io ti ucciderò” con risposta “lo vedremo”, emblematici sacrifici con tanto di distruzione di ponte per fermare il nemico e due secondi dopo te lo ritrovi alle spalle =.=, e finali da gosh…
Concluderei quindi dicendo anche stavolta, bel cafolavoro ^^”

 

 

“Consigliato a Stan Lee”

Trailer:

Vita Persa

Giorni Ore Minuti
6 1 29

CafoFan

Amici

Meta