Articoli marcati con tag ‘Dead Snow’

sagashiftyblow

Dead Snow

Dead snow

Cafoneria Divertimento
★★★★★ ★★★½☆

Titolo originale: Dead Snow
Regia: Tommy Wirkola
Minuti di vita ben impiegati per una volta: 90 min
Nazionalità: Norvegia 2009
Frase del film: “Se sei sotto una valanga sputa e poi scava nel senso opposto a dove cade. Gravità! Elementare!”
Frase dagli spalti: “Queste cose lui riesce a farle perchè, sin dall’inizio del film, spiegavano che lui ha fatto il militare!” “Sì e dove l’ha fatto? A tana delle tigri??”

Come si può dir male di un film dove la prima domanda che si fanno i protagonisti è “Siamo in vacanza in montagna in un luogo isolato e senza ricezione telefonica. Quanti film iniziano così?
La trama, come di deduce da questo, è di una banalità epocale, ma, a differenza di altri film del genere, in questo caso la cosa è voluta. O perlomeno è quello che ci piace sperare.

Quattro ragazzi e tre ragazze norvegesi vanno a passare le vacanze pasquali in un cottage in alta montagna di proprietà della fidanzata di uno dei quattro. La sera stessa dell’arrivo, i ragazzi ricevono la visita di uno strano figuro a cui, naturalmente, decidono di dare ospitalità.
D’altronde CHI non farebbe entrare un estraneo inquietante in un cottage isolato a 1000 metri d’altezza per offrirgli un bel caffè? In cambio del (disgustoso!) Nescafè (alla cui specifica della marca va il merito dell’intero budget del film) il vecchio viaggiatore racconta la storia di un gruppo di soldati nazisti che, dopo una sonora batosta presa dai russi e varie razzie di preziosi nelle case dei villaggi circostanti, si erano rifugiati, per poi morire assiderati, qui, ma proprio qui, ma proprio dove siamo noi in questo momento!
Fatte due risate e sbolognato l’estraneo, gli universitari protagonisti continuano le loro allegre vacanze tra un ritrovamento del mistico tesoro dei nazisti (due spicci di valore forse affettivo) e qualche fugace pensiero per la padrona del cottage che sarebbe dovuta arrivare un giorno fa. Ah, già… E tra vari attacchi di zombie nazisti.

Dal primo sangue fino alla fine, il film diventa una comica degna di Bud Spencer. Si va dai cazzotti con effetti sonori alle meraviglie della tecnica: come montare una mitragliatrice della seconda guerra mondiale su una slitta a motore. Per non parlare del mitico “dividiamoci“, un simpatico must dei film dell’orrore, che qui viene riproposto al suo meglio: “dividiamoci” e una volta divisi “dividiamoci di più”!!
Non dirò di più per non rovinarvi la sorpresa di questo film che, a mio parere, merita assolutamente la visione, nonostante sia disponibile (per ora e verosimilmente per sempre) in italiano solo sottotitolato.

“Consigliato a chi ancora non sa quante cose si possano fare con una falce ed un martello!”

Trailer:

Vita Persa

Giorni Ore Minuti
6 1 29

CafoFan

Amici

Meta