Articoli marcati con tag ‘drammatico’

cater

Goodbye Mama

Layout 1

Cafoneria Divertimento
★★★★☆ ½☆☆☆☆
Titolo originale: Goodbye Mama
Regia: Michelle Bonev
Cast: Michelle Bonev, Licia Nunez, Tatyana Lolova, Nadia Konakchieva, Marta Yaneva
Durata:106 min
Nazionalità: Italia, Bulgaria
Anno: 2010
Frase del film: “Gagarin è andato nello spazio e non ha trovato Dio”

 

Trama:
Bulgaria 2005 ,due nipoti dopo aver fatto visita alla nonna in ospizio decidono di portarla via da quella specie di lager dove la madre Jana (la Bonev)l’ha rinchiusa per una sorta di vendetta per averla cacciata di casa svariati anni prima. Tra avvocati, flashback e vecchini che vomitano non mancherà il finale buonista.

 

Considerazioni:
Film visionato su gentile richesta di Yvonne ( sto film non si trova, col senno di poi penso d’aver anche capito il perchè) e premettendo che non m’informo quasi mai prima di vedere un cafo causa possibili spoiler, mi ritrovo a vedere un film dove tralasciando una trama un pò così, diciamo poco credibile, compaiono a sorpresa in foto Wojtyla e poi Berlusconi, passando per una sengnalibro con Stalin e penso “mmmmm mi devo essere persa qualcosa“.
Sto film non decolla praticamente mai, con il personaggio della Bonev, stronza incallita che incarna i mali del mondo, contrapposta alle figlie che nonostante il loro violento passato (mi raccomando ragazzi le tabelline..) so venute fuori delle sante che vogliono salvare la nonna (con uno shampoo di vita) dall’ ospizio statale dove tra infermiere e direttrice fanno a gara a chi è più stronzo ( vecchini che muoiono come mosche, vengono pestati e gli fanno mangiare roba avariata) aiutate dalla bella avvocatessa che le troverà poi posto in una casa di riposo privata ovviamente.
Per chi non avesse letto tra le righe, attori (a cominciare dalla Bonev che è una cagna), dialoghi, sceneggiatura e regia sono state bocciate in pieno e devo dire che anche la colonna sonora lascia parecchio a desiderare.Che dire più che un cafo è un film che non sarebbe proprio dovuto arrivare al cinema, una specie di soap opera moralista a tratti angosciante che risulta anche abbastanza antipatica.

Andando poi su internet ho trovato il panico, cito quanto trovato ” film premiato da Bondi ( allora Ministro per i Beni e le Attività Culturali) o dal suo vice (non ho ben capito) con l’ Action for Women un premio creato ad hoc per compiacere Michelle Bonev , con tanto di presunta trasferta in Laguna di Miss Bonev&Co, con annesso volo charter e alloggio al Cipriani di Venezia per tre giorni dal 3 al 6 settembre, pagata dallo stesso Stato italiano, per circa 400,000 euro di spese. A presenziare alla ‘prima’ addirittura due Ministri della Repubblica, ovvero Mara Carfagna e Giancarlo Galan, con la Rai riuscita ad acquistare di diritti del film alla ‘modica’ cifra di un milione di euro, con inusuale richiesta arrivata direttamente dal direttore generale Mauro Masi “

 

“Consigliato agli anziani”

Trailer:

cater

Vulkan

 

vulkan

Cafoneria Divertimento
★★★☆☆ ½☆☆☆☆

 

Titolo originale: Vulkan
Regia:Uwe Janson
Cast: Matthias Koeberlin, Jochen Kolenda, Gitta Schweighöfer
Durata: 180 min
Nazionalità: Germania
Anno: 2009
Frase del film: Sono indecisa tra “M’impensierisce la tua pistola” e “Forse posso fare qualcosa..conosco qualcuno che volerebbe anche all’inferno”

 

Trama:
Dopo anni di inattività un lago di origini vulcaniche in Germania lancia i primi segnali di un’imminente eruzione ma nè gli abitanti della zona nè professoroni danno troppo peso alla cosa, finchè non sarà troppo tardi.
Considerazioni:
Rai 2 ci propone questa “chicca” made in cermania, nata come miniserie in due puntate che la rai ha unito (e probabilmente tagliato), consapevole secondo me che nessuno avrebbe buttato due sere della sua vita per vedersela.
Che dire unisci personaggi e stereotipi da fiction di serie y e un’eruzione vulcanica fatta male, il cui avanzamento è seguito dagli studiosi su un monitor con una macchia rossa che si allarga, e avrai una cacata costata 9 milioni di euro che qualcuno ha avuto il coraggio di nominare nel 2010 ai German Television Award come miglior miniserie e ai Grimme Award Germany per gli effetti speciali.. paura! (il traduttore di google sulle pagine in tedesco è a tratti imbarazzante/esilarante).
Si va dal “protagonista” ex pompiere (che sta pensando di trasferirsi) bravo ragazzo che aiuta tutti incondizionatamente e si sacrifica per l’amata; al padre di famiglia con moglie e figlia spendaccione che si porta dietro una borsa piena di soldi; all’invasato con la pistola; il cornuto con figli che nonostante tutto cerca la moglie; la studiosa che ha capito tutto ma nessuno se la caca finchè ormai è troppo tardi e così via.
La trama melodrammatica a bestia, condita da dialoghi del tipo ” ho conosciuto sua moglie….sa io sono stata tradita” “ah si è una brava donna..ma sa mia moglie ha una relazione…” oppure “l’acqua scarseggia dobbiamo decidere.. la ragazza o i bambini..?” “nessuno decide chi vive o chi muore”, non viene aiutata nè dalla pessima regia che riesce a fare i primi piani dei primi piani nè dalla sceneggiatura con spezzoni del genere: ormai è troppo tardi lasciami qui, primo piano sulla faccia da spiritato del protagonista, poi tirano du raudi scena apocalittica l’idiota che ride e poi si sente una radio che magicamente funziona giusto il tempo di una scureggia e il protagonista che dice avrò bisogno di un elicottero che atterri nel parcheggio del castello (ndr è tutto pieno di lava intorno)”.
Insomma un Disaster movie in tutti i sensi non solo nel genere.

 

“Consigliato ai geologi tedeschi”

Trailer:
Introvabile…chissà come mai?!

cater

Black Death – Un viaggio all’inferno

black death

Cafoneria Divertimento
★½☆☆☆ ½☆☆☆☆

 

Titolo originale:Black Death
Regia: Christopher Smith
Cast: Sean Bean, Carice van Houten, Eddie Redmayne, Kimberley Nixon, Tim McInnerny
Durata: 97 min
Nazionalità: Regno Unito, Germania
Anno: 2010
Frase del film: “Io sono la morte. La vendetta è mia! “

 

Trama:
XIV secolo Inghilterra, la peste si sta diffondendo e semina morti un pò ovunque tranne pare che in un remoto villaggio in mezzo a una palude, dove secondo voci la gente sarebbe immune al contagio. La chiesa ovviamente decide di spedire qualcuno a verificare la notizia (in realtà il vescovo vuole liberare il villaggio dal demonio e catturare un negromante), Ulric (Sean Bean) e un gruppo di mercenari partono quindi alla ricerca del villaggio oltre la foresta di Dendridge ,avendo come guida il giovane monaco Osmund. Arrivati al villaggio, Ulric, armato del suo senso di giustizia e della sua fede (e anche di qualcos’altro), dovrà vedersela con la negromanteLangiva, e Osmund con il dilemma amore di Dio o amore per una donna.(Secondo voi che fine farà Sean Bean??)

 

 

Considerazioni:
Film anonimo senza infamia e senza lode; tante, anzi, troppe pippe mentali.Ben ricostruita dal punto di vista storico la realtà del tempo con la peste a seminare morti e ad alimentare il clima di diffidenza e superstizione, e la figura della chiesa incapace di gestire il tutto.Non c’è molto altro da aggiungere è un film con Sean Bean ^^

 

 

“Consigliato a chi gli avanza du ore e non sa come trascorrerle”

Trailer:

cater

La guerra dei mondi

la guerra dei mondi

Cafoneria Divertimento
★½☆☆☆ ☆☆☆☆☆

 

Titolo originale: War of the Worlds
Regia: Steven Spielberg
Cast:  Tom Cruise, Dakota Fanning, Miranda Otto, Justin Chatwin, Tim Robbins
Durata: 112 min
Nazionalità: Usa
Anno: 2005
Frase del film: “Papà io devo andare…devo andare..devo andare” NDR dove cazzo vai!!??

 

Trama:
Ray (Tom Cruise) è un padre poco presente nella vita dei figli (che vivono con la madre e il nuovo compagno), nel fine settimana in cui la madre (Miranda Otto, sciupatissima devo dire ^^) glieli affida gli alieni decidono d’invadere la Terra.

 

Considerazioni:
Neanche Steven Spielberg riesce a fare un film sugli alieni (ET escluso) che non sia un cafo. Come in Skyline non viene ben spiegato il motivo per cui gli alieni invadano la Terra, si capisce solo che invece dei cervelli qui ci bevono e poi sputacchiano sangue in giro tipo fertilizzante su delle sorte di radici.
Alieni a parte che non sono fatti male (vorrei anche vedere con un budget di 132.000.000 $ O.o) il problema di questo film sono Tom Cruise, che non c’incastra niente (però corre) e oltretutto interpreta un personaggio del kaiser, e la trama, pressochè inesistente.
Dopo il primo quarto d’ora inizi ad odiare Dakota Fanning che ogni tre secondi urla, non capisci bene il ruolo del figlio maggiore che ha evidenti istinti suicidi, ma lui deve andare, e ad un certo punto del film lo vedi correre insieme a carriarmati, camionette e elicotteri d’assalto verso un tripudio di alieni, e pensi “vai ce lo siamo levato” per poi ritrovarlo a Boston a casa della su mamma tranquillo e incolume (probabilmente Justin Chatwin aveva un altro film da fare)….
Soldi buttati per allungare il brodo con Tim Robbins, che interpreta un sopravvissuto con evidenti turbe psichiche.
Alieni spietatissimi da una parte e Tom cruise dall’altra, ti aspetti che parta a corsa armato di super liquidator e salvi il mondo e invece ti ritrovi che ne so  Mel Gibson (dopo Arma Letale e prima di Viaggio in paradiso <che anche quello dev essere un bel cafo>) che dice “guarda gli uccelli”.
Film deludente e noioso.

 

 

“Consigliato a chi preferisce gli starnuti alle bombe a mano”

Trailer:

cater

Chronicle

Cafoneria Divertimento
★☆☆☆☆ ½☆☆☆☆

 

Titolo originale: Chronicle
Regia: Josh Trank
Cast: Dane DeHaan, Michael B. Jordan, Alex Russell
Durata: 83 min
Nazionalità: USA, UK
Anno: 2012
Frase del film: “spengi quella telecamera”

 

Trama:
Tre classici stereotipi di adolescenti americani: – Steve, il ragazzo di successo che vuole un futuro nella politica – Matt, il ragazzo normale “senza infamia e senza lode” e – Andrew ragazzo con problemi familiari, introverso e vittima di bullismo; sviluppano dei poteri telecinetici dopo essere entrati in contatto con un affare alieno pulsante. Man mano che imparano a controllare le loro nuove abilità la sanità mentale di Andrew va via via peggiorando, finchè la situazione non gli sfugge di mano.

 

Considerazioni:
Nonostante una persona su 4,5 (dato che c’è stata una vittima da abbiocco dopo circa un’oretta) alla fine abbia avuto il coraggio di dire “Dai! Non era poi così male…” questo film non suscita nello spettatore nessun tipo di emozione. Non è sufficientemente da pennica ma neanche appassiona, fondamentalmente lo guardi e speri che in qualche modo la trama decolli, cosa che alla fine non succede, e rimani li e pensi che anche sta volta hai buttato du ore di vita ^^.
Note positive
:-gli effetti speciali che secondo me non sono male soprattutto per un film a budjet ridotto (ovviamente hanno risparmiato in attori…..), e ce ne sono abbastanza dato che i personaggi volano e muovono gli oggetti piu disparati; – il fatto che nonostante la storia sia raccontata tramite varie telecamere da quella di uno dei protagonisti, o di altri personaggi etc, cosa che a me non piace (de gustibus), il tutto non risulta troppo fastidioso.

Diciamo che se il film avesse avuto una trama migliore sarebbe potuto non finire su questo blog 🙂

 

 

“Consigliato a chi vorrebbe avere un superpotere ( psicopatici esclusi)”

Trailer:

Vita Persa

Giorni Ore Minuti
6 1 29

CafoFan

Amici

Meta