Articoli marcati con tag ‘il profeta’

cater

Il profeta

Cafoneria Divertimento
★★★★★ ½☆☆☆☆

Titolo originale: Un prophète
Regia: Jacques Audiard
Durata: 155 interminabili minuti
Nazionalità: Francia 2009

 

Trama:

Il film narra le vicende di un ragazzo 18enne Malik El Djebena, nordafricano, analfabeta, condannato a sei anni di carcere, coglionazzo inesperto viene preso di mira dal boss del carcere, Il Corso (il carcere è tipo diviso in due gruppi etnici, arabi e corsi), che prima lo vessa, poi gli commissiona omicidi in carcere e quando è in libertà vigilata lo manda a svolgere commissioni criminali per suo conto. Insomma questo via via diventa il fico della situazione, però ovviamente poi deve fare i conti con gli arabi, e qui via trip mentali..ah c’è pure il fatto che lui vede e parla con l’uomo che ha assassinato in carcere. In un susseguirsi di interminabili scene Malik cresce , si fa furbo e diciamo che fa doppio e triplo gioco tra corsi, arabi, marsigliesi e simili, finchè una volta uscito dal carcere lo aspettano tre auto nere e la moglie e il figlio di un suo amco morto.

 

Questo film ha vinto non so quanti premi a Cannès, recensioni su quanto sia profondo, di quanto racconti la vita nelle carceri, di quanto gli attori abbiano recitato bene, sviolinate su sviolinate e anche di più; ma quello che si sono scordati di dire tutti è che questo film è una palla mostruosa! Di quelli che fatichi a tenere gli occhi aperti. Lenterrimo, dopo la prima ora già non ne puoi più e scopri che non sei nemmeno a metà! O,O, con un finale che dici embèh?! Che mi vorresti dire? che dopo ste tre ore d agonia questo esce, criminale incallito, e si frega pure moglie e figlio di quell’altro?.. E poi perchè il profeta? Perchè ha visto un cartello stradale un millesimo di secondo prima e ha evitato che 4 o 5 criminali morissero? Nooo certo che noooo “’Il profeta’ è naturalmente un titolo sardonico .Quando entra in prigione, il ragazzo arabo non è nessuno, non appartiene a niente e nessuno; quando esce ha un potere che in libertà non avrebbe mai raggiunto, e questo è il paradosso ” come scrive l’espresso, e te mi vorresti dire che per questo motivo “profeta” era l’unico titolo che gli è venuto in mente?

Cmq….La domanda che mi chiedo non è perchè? Percome? La vera domanda che mi chiedo è:
perchè i francesi non si limitano a produrre baguettes e formaggi??

 

Ne consiglio la visione con un termos di caffè a portata di mano.

 

Vita Persa

Giorni Ore Minuti
6 1 29

CafoFan

Amici

Meta